FILM & CROSSMEDIA PROJECTS

EcoMuvi

La rivoluzione green per il cinema

EcoMuvi è il primo disciplinare europeo di sostenibilità ambientale per la produzione cinematografica: un reale ripensamento del processo produttivo che fornisce le linee guida per analizzare l’impatto ambientale di una produzione e per ridurlo, non soltanto “compensando” ma adottando comportamenti di risparmio, rispetto e uso intelligente delle risorse. 
Soltanto in Italia l’industria cinematografica produce circa 5.600 tonnellate di CO2 l’anno per i consumi di energia e i trasporti dei set, a cui si aggiungono l’uso dei materiali e la gestione dei rifiuti. EcoMuvi è un disciplinare scientificamente accurato che permette di abbattere drasticamente l’impatto ambientale di un set cinematografico, senza complicazioni e senza ulteriori costi: non solo compensazione ma una procedura innovativa e semplice.

Esistono già film che dichiarano lo “zero carbon footprint”, ma a noi interessa andare oltre: abbiamo studiato la possibilità di fare cinema con un nuovo atteggiamento. Il set di un film è una carovana, un villaggio mobile, che mima e riproduce quasi tutto quello che avviene in una vera città. Sul set si mangia, si dipinge, si cuce, si produce energia, si costruisce e si distrugge, si bagna e si asciuga… Inventare un disciplinare per un set cinematografico è come studiare l’impatto di un villaggio contemporaneo: diventa, scientificamente, un modello. Significa inziare una rivoluzione green.

Da oggi, con EcoMuvi si possono evitare in Italia 1.120 tonnellate di CO2 all’anno.